news
audio
audio
documenti
documenti
libri
a scuola di ...
video
video
Buone vacanze
 

Verso COP21 di Parigi: 1 parte

COP21
E’ un po’ come quando i re magi aspettavano la cometa per guidarli verso Betlemme. C’è da capirli: mica avevano un navigatore sui loro cammelli e ancora non era stata prodotta Google Maps. Oggi tutti aspettano un altro evento, ma sempre in dicembre. Sapete che da 20 anni, in quel periodo, l’IPCC organizza un incontro (chiamato COP = Conference Of Parties) tra i capi di stato o loro delegati per discutere le questioni climatiche sul tappeto. Del resto IPCC sta per “Intergovernment Panel Climate Changes” proprio perché l’organizzazione si occupa prevalentemente di cambiamenti climatici.
Finora potremmo commentare tutte le riunioni con un sarcastico “Perché non siete andati a pescare?“  in quanto le decisioni più importanti sono sempre state quelle di programmare nuovi incontri decisivi, che decisivi non sono mai stati. Faremo, faremo, faremo sempre il futuro nei verbi e raramente nei fatti.(...)

Leggi tutto...

 

Infinitamente blues 20 luglio: Brasil meu amor

Brasile Infinitamente bluesLunedì 20 luglio ore 22,30 a Infinitamente blues vi abbiamo portato in vacanza con noi: l'ultima puntata della trasmissione prima della sosta di agosto propone infatti una rassegna delle musiche brasiliane. Partiamo dalla nascita della Bossa Nova con Carlos Jobim e Vinicius de Moraes, accompagnati da grandi compositori e cantanti come Joao e Astrud Gilberto, Caetano Veloso, Gilberto Gil, Maria Bethania, Sergio Mendes, Toquinho e la fantastica Elis Regina. Avremo però anche compositori ed esecutori più recenti come gli Olodum, Gilson Silveira, Edson Gomes e i Tribalistas di Arnaldo Antunes, Marisa Monte e Carlinhos Brown per chiudere con la vedette della musica di oggi, Ivete Sangalo.
Certo, la scelta è stata terribilmente difficile e gli esclusi sono moltissimi e tutti di primissimo piano, ma, sapete come si dice?, il tempo è tiranno e dura quello che dura. Serata riempita come sempre da racconti, storie, aneddoti e spiegazioni, prima di darvi il nostro affettuoso arrivederci a settembre.
Silvia, Adriano, Mario.
 

Cambiamenti climatici? Sì, sapevamo tutto dal 1981. Firmato Exxon.

Exxon Credo tutti sappiano che il fumo fa male: nel senso che da una mano a produrre cellule cancerogene e a indebolire le difese delle persone. Molti movimenti fin dagli anni ’40 hanno portato all’attenzione del pubblico il rischio legato al consumo di sigarette. Oggi non ci sono più scuse: sono molte le sentenze che condannano produttori o distributori di tabacco per la morte dei fumatori.
Possiamo discutere a lungo se questo sia giusto o no, dal momento che le informazioni oggi ci sono e chi fuma lo fa coscientemente a suo rischio e pericolo. Ma non è questo il punto. Il punto è che le industrie del tabacco hanno sempre negato il proprio coinvolgimento in tutto questo. Se cercate in rete troverete lunghe dissertazioni di scienziati veri o presunti che dichiarano, magari giurando sulla testa dei propri figli, che non è vero niente e che anzi una sigaretta fa bene. Sono le parole alle quali si attaccano molti fumatori sperando che siano vere. Il mio amico cardiologo è di ben altro avviso, avendo a che fare ogni giorno con cuori e arterie devastate dal fumo. Potrebbe fregarsene: in fondo il fumo fa aumentare i suoi pazienti e quindi, si presume, anche il suo profitto.  (...)

Leggi tutto...

 

Infinitamente blues 6 luglio: Enrico Santacatterina

Enrico SantacatterinaAvere in studio Enrico Santacatterina è come andare ad un concerto. La sua chitarra infatti non sta mai zitta ... per fortuna. E mentre gli ascoltatori seguono la musica dei CD dalla radio, noi in studio ascoltiamo le note e il canto di Enrico, in perfetta sincronia con la canzone in onda. Potete ascoltarne alcuni pezzi. Oltre a questo, la sua straripante simpatia e una vita professionale dalle mille facce (non è un modo di dire!) rendono la puntata di Infinitamente blues del 6 luglio davvero speciale.
Certo c'è il blues e gli ispiratori, da Ritchie Blackmore (Deep Purple) a Devid Gilmour (Pink Floyd), da Eric Clapton a Stevie Ray e Robben Ford. E poi l'amico Roberto Ciotti (grandissimo!) con cui ha realizzato progetti importanti come le colonne sonore dei film di Gabriele Salvatores, Turneè e Marrakesh Express.
Ma anche la musica dance con un disco che ha venduto due milioni di copie, la musica leggera (o popolare?), i continui tour con Riccardo Fogli, il lavoro di produttore che l'ha portato varie volte a Sanremo e tantissime altre cose ancora. Un personaggio da gustare attraverso i racconti e le sue musiche, proposti da questa puntata di Infinitamente blues. Ascoltatela, a noi è piaciuta un sacco.
 

Like a rolling stone compie 50 anni

Like a rolling stoneLunedì 22 giugno: Infinitamente blues offre una puntata dedicata ai 50 anni di una canzone che ha cambiato davvero il mondo della musica. Il 15 giugno 1965 veniva infatti pubblicata "Like a rolling stone" di Bob Dylan. Nella puntata ne leggiamo il testo in italiano e la ascoltiamo nelle versioni di alcuni tra i grandi autori che l'hanno riproposta (Green Day, Rolling Stones, Jimi Hendrix) oltre alla versione originale tratta dall'album Highway 61 Revisited (che chiude la serata). Cerchiamo anche di capire chi "girava attorno" all'evento, quali erano i "compagni di viaggio" di Dylan, chi poteva vantarsi di essere un suo emulo. Ascoltiamo anche altri brani del grande menestrello e canzoni dei Rolling Stones, di Donovan, Barry McGuire, Peter Paul & Mary, The Who, i Byrds, i Jefferson Airplane e altri ancora.

Download

 

Laudato si' .. un'enciclica ambientalista

Introduzione

Enciclica Vorrei dedicare la puntata di oggi ad un evento che credo sia senza precedenti: la pubblicazione, giovedì scorso, dell’enciclica del papa dal titolo “Laudato sì”, che forse non rende abbastanza bene quello che in essa viene scritto.
Di solito le encicliche hanno a che fare con questioni molto tecniche della religione: questa invece è stata subito classificata come una eco-enciclica, o, se vogliamo usare un termine più appropriato come una enciclica ambientalista.
Noi che seguiamo le vicende del pianeta e siamo preoccupati, anzi siamo molto preoccupati di come le cose stanno andando, non abbiamo molta vicinanza con la dottrina e cerchiamo sempre di razionalizzare le questioni, cercando cause, individuando responsabili, perché sia chiaro come e perché gli effetti sono saltati fuori.
Il fatto però di avere visioni differenti su alcuni punti non esclude per niente la possibilità di apprezzare un intervento fatto da un altro punto di vista, perché c’è sempre da imparare da tutti o, per usare una terminologia cara alla chiesa, da tutti gli uomini di buona volontà.
Poco importa se papa Francesco sia assolutamente convinto che a mettere a disposizione i beni terreni sia stato dio, mentre io credo che quegli stessi beni siano il frutto di una lenta evoluzione naturale, capitata per caso sulla Terra e, con ogni probabilità, su molti altri mondi a noi sconosciuti. Importa poco perché la questione non è la provenienza di quei beni, ma l’uso che ne ha fatto la razza dominante il pianeta negli ultimi millenni, vale a dire l’uomo. (...)

Leggi tutto...

 

G7: bella mossa, ma adesso?

Merkel e Obama al G7Qualche giornale oggi rende conto della notizia che il G7 ha preso posizione per limitare a 2°C l'aumento di temperatura media del pianeta entro questo secolo. Non è dato sapere come, né come reagiranno i poteri economici e industriali, né cosa succederà se il governo statunitense dovesse tornare ai conservatori, abbondantemente sostenuti e finanziati dalle lobby di carbone, gas, petrolio e compagnia bella. Sarebbe una buona notizia se fosse avvenuta 15 anni fa, quando gli scienziati del mondo intero davano esattamente questa indicazione. Va tenuto presente che l'aumento di 2°C coincide con un aumento di CO2 nell'atmosfera, il cui limite è previsto in 450 parti per milione (oggi siamo appena sopra le 400 ppm). E l'aumento di CO2 è dovuto a vari aspetti della nostra vita (eccesso di persone, di produzione basata sulla combustione di combustibili fossili, deforestazione, inquinamento delle acque e così via). Va da sè che la decisione dei "7 grandi" (voluta insistentemente dalla Merkel, che guida un paese avanti anni luce in questo campo rispetto alle altre grandi economie mondiali) non avrà nessun significato (se non di marketing) in assenza di decisioni su questi punti e se non cambierà radicalmente il modo di produrre della nostra società e il modo di vivere dei suoi cittadini. I segnali che oggi leggiamo lasciano pochissime speranze che questo avvenga, o per lo meno che avvenga in tempi utili ad evitare la catastrofe.
Ad ogni modo non resta che aspettare e vedere da qui a dicembre (riunione COP21 a Parigi) cos'altro succederà.
 

Gli alieni sono tra noi ... paura?

Mars attacksHo confessato varie volte la mia passione per la fantascienza, sia essa scritta sui libri sia essa tradotta in film per lo meno decenti. Escludo quindi tutti quelli sui mostri, sui transformer e il genere horror che decisamente non mi piacciono.
Uno degli esercizi più divertenti è riguardare i vecchi film degli anni 50 e 60 per scoprire se gli autori ci avevano azzeccato, dato che, in quelle pellicole, gli anni che viviamo sono un futuro molto lontano. A volte le intuizioni sono buone, altre sono lontanissime da quello che poi è accaduto, ma capita spesso che la realtà, quella che incontriamo ogni giorno della nostra vita, sia molto più avanzata delle ipotesi della cosiddetta Science Fiction. (...)

Leggi tutto...

 

Questa economia uccide, il Paese la smetta di divorare se stesso

Carlo PetriniIl fondatore di Slow Food insieme a Tomaso Montanari, storico dell'arte, sul palco di RepIdee a Genova: "Dobbiamo cambiare vocabolario per difendere la terra e il patrimonio culturale del nostro Paese (fonte)
GENOVA - Un Paese che non divori se stesso. Che abbia la capacità di "cambiare vocabolario" affinché modernità e rispetto della nostra storia possano finalmente darsi la mano. "Perché altrimenti non andiamo da nessuna parte". Sono due voci che convergono quelle di Tomaso Montanari, storico dell'arte, scrittore, editorialista, blogger, e Carlo Petrini, fondatore di Slow Food, insieme sul palco di Repubblica delle Idee 2015 a Genova. Patrimonio culturale, difesa della terra e qualità del cibo i temi al centro di un dibattito condotto da Antonio Gnoli nella sala del Maggior Consiglio del Palazzo Ducale del capoluogo ligure.
Ad aprire l'incontro, una consapevolezza: quella di vivere in un Paese che più di altri si è dimenticato del proprio patrimonio artistico e architettonico. A seguire, la domanda principe: al di là delle 'lamentele', cosa è possibile fare affinché la situazione evolva un po' meno peggio rispetto a quanto accaduto fino a oggi? (...)

Leggi tutto...

 

Alle origini del soul

La musica soulUna puntata, quella del 1 giugno di Infinitamente Blues, interamente dedicata alle origini di quel genere musicale che risponde al nome di Soul Music, la musica dell'anima. Ne percorriamo le origini, le radici e i primi grandi successi. Incontriamo i pioneri del genere come Ray Charles e Sam Cooke, per proseguire con i pezzi da novanta: James Brown e Solomon Burke.
Allegria, feste e ballo ma anche impegno e sostegno ai diritti civili, alle battaglie dei neri e delle donne, ai difensori dell'ambiente a quelli che lottano contro la povertà e le guerre. Marvin Gaye e Otis Redding ne sono due classici esempi. E poi l'eterna rivalità tra due case discografiche che hanno fatto la storia e spesso la leggenda del soul: la Stax di Memphis e la Motown di Detroit. Ascoltiamo alcuni brani dei loro artisti di punta: Rufus e Carla Thomas, Wilson Pickett, Aretha Franklin e Al Green per l'etichetta di Memphis, i Four Tops, Stevie Wonder, i Temptations, i Commodores per la Motown. Infine un breve sguardo a quel "Blue eyed soul" che sapeva molto di integrazione ma ancora di più di marketing con i Righteous Brothers.
Una puntata dolce dolce, chiusa da Otis Redding che canta mentre è seduto sul molo della baia di San Francisco guardando il mare.

Download

 
Radio Cooperativa

Multimediali
Please wait while JT SlideShow is loading images...
Rinnovabili e cicli combinati: SorgeniaImagine John LennonStoria del petrolio in 300 secondiL'inquinamento dell'ILVA nel mare di TarantoGasland, il film!The sky is pink (gas di scisto)Water week StokholmLand Grabbing for dummiesIl "sistema" di ENI5 minuti per riflettere sul consumo di suolo in ItaliaGrazie Enzo Jannacci
Fonte di sorriso
Un sorriso
Feed RSS
Noncicredo! in radio