news
audio
audio
documenti
documenti
libri
a scuola di ...
video
video

E' carnevale ... anche per Infinitamente blues

Mardi grasAd una settimana dal martedì grasso, dedichiamo questa puntata proprio alle celebrazioni di queste feste, ricche di allegria, di sfilate, di maschere e soprattutto di tanta musica. Cominciamo da New Orleans, dove si svolge uno dei più tradizionali carnevali del mondo, quel "Mardi Gras" a cui sono stati dedicati scritti, poemi e film. La casa del dixie (e del Jazz in generale) ci accoglie con alcuni brani dei suoi figli: da Louis Armstrong a Jelly Roll Morton e Sidney Bechet. Ma non è solo Jazz: ascoltiamo altre canzoni ispirate, in un modo o nell'altro, al carnevale: da Paul Simon a Perry Como, da Norah Jones a Harry Belafonte. Non mancano i brani più vicini al blues, come quelli che ci regalano Eric Clapton, Earl King Johnson e Carlos Santana. Chiudiamo, dopo un passaggio italiano con Caterina Caselli, immergendoci nel samba di Rio de Janeiro, probabilmente la capitale mondiale del Carnevale, ascoltando il celeberrimo trio delle Bellini.
Buon ascolto.
Download
 

La musica e le storie del 1966, 50 anni dopo

1966La puntata è dedicata al 1966, un anno importante per la musica e non solo. Un anno che apre un decennio straordinario, con nuovi generi e nuovi grandi gruppi dai Doors ai Led Zeppelin, dai Pink Floyd ai The Jimi Hendrix Experience e molti altri. I Beatles si stanno avviando verso la fine della loro carriera come gruppo ma producono un album strardinario: Revolver. Anche i Rolling Stones abbandonano il blues e producono il primo lavoro firmato dai loro componenti. Cerchiamo di seguire gli avvenimenti musicali di questi 12 mesi con una scaletta ricca di canzoni spettacolari, amatissime all'epoca soprattutto da ragazze e ragazzi e che non dimostrano affatto i loro 50 anni di età. Accanto ai due superbig inglesi, incontriamo i Beach Boys, Donovan, Jimi Hendrix, i Doors, Nancy Sinatra, Simon & Garfunkel e molti altri come i Troggs, i Lovin' Spoonful, i Bluesology forse meno conosciuti ai più, ma nel cuore di chi quegli anni li ha vissuti. Buon ascolto.
Download
 

COP21: miracolo o disastro?

COP21Il primo commento a caldissimo dopo la chiusura del vertice di Parigi sui problemi climatici è stato che, bene o male un accordo è stato raggiunto. Per quel che ne so non erano in molti, almeno negli ambienti dell’ambientalismo organizzato, ad essere convinti che un accordo qualsiasi si sarebbe trovato.
Abbiamo visto nell’ultima puntata di Noncicredo come le organizzazioni delle grandi industrie e le multinazionali soprattutto dei beni legati alla produzione energetica si stiano muovendo per svicolare a qualunque decisione possa nel presente o nel futuro ostacolare la loro politica di espansione e di aumento (o quantomeno di mantenimento) dei profitti e dei privilegi. Negli accordi che sono più o meno sottobanco, ma che rimangono dei miseri segreti di Pulcinella (anche grazie a vari canali di informazioni, non ultimo Wikileaks) … in quegli accordi, dicevo, si cerca di mettere in scacco perfino le legislazioni nazionali e internazionali pur di poter imporre le proprie regole di esaltazione del libero mercato. Ora potrà anche sembrare che i due discorsi siano lontani tra loro e qualcuno potrà chiedersi cosa c’entra il clima e il riscaldamento globale con l’organizzazione mondiale del commercio e cosa diavolo hanno a che fare i trichechi che stanno migrando dal polo con la firma di un trattato come il TTIP che trasferisce le leggi statunitensi, da sempre volute dalle lobby, nel vecchio continente. In effetti c’entra un bel po’ se si considera che tutto il circo costruito attorno all’attuale modello di produzione, quello nato con il capitalismo e oggi inserito nel ricco filone del consumismo più estremo, è basato sulla combustione di fonti fossili che è la prima causa dell’aumento di effetto serra che ha poi portato ai cambiamenti climatici. Il sistema non è mai stato molto tenero con l’ambiente. Del resto un diverso modello di sviluppo, pur possibile anche allora, avrebbe ridotto di molto il guadagno o quanto meno la rapidità di aumento del guadagno. (...)

Leggi tutto...

 

Infinitamente blues-natale: blues e "dintorni"

Christmas bluesUltima puntata dell'anno, a ridosso di Natale. Dedichiamo lo spazio alle canzoni natalizie, ovviamente prendendole da quell'universo di "blues e dintorni" che contraddistingue "Infinitamente blues". E dunque accanto a B. B. King e John Lee Hooker trovano spazio anche cantanti di altra tradizione come Dean Martin e Dolly Parton. Non mancano alcune esecuzioni jazz, come quelle di Louis Armstrong, Oscar Peterson ed Ella Fitzgerald. E poi The Band, Otis Redding, Etta James e altri ancora: ascoltatela, è leggera e soffice come la neve di una Winter Wonderland.
Download
 

Infinitamente blues e i Racconti infiniti

Racconti infinitiUna grande mostra alla Sala della Gran Guardia (p.zza dei Signori, Padova) è stata allestita dalla nostra associazione. Raccoglie quasi 200 libri per ragazzi e bambini editi tra fine '800 e metà '900. Si tratta di libri di ogni genere: avventura, scuola, fiabe, guerra, animali, raggruppati per argomenti e talvolta per casa editrice (ad esempio la Salani). Un grande tavolo centrale consente ai visitatori di sfogliare alcuni di questi libri per apprezzare il contatto e l'odore della carta e per ammirare le meravigliose illustrazioni che vi sono contenute. A questo evento abbiamo dedicato la puntata del primo dicembre di Infinitamente Blues, proponendo canzoni dedicate al mondo della letteratura per l'infanzia, che tuttavia sappiamo bene essere amata anche dagli adulti. Una puntata quindi un po' diversa dal solito, in cui stanno benissimo i brani italiani di Rita Pavone, Johnny Dorelli ed Edoardo Bennato.
Download
 

Noncicredo: Mayak un inferno ancora oggi

MayakIn questa puntata della trasmissione "Noncicredo" (Radio Cooperativa) affronto la questione ormai antica delle condizioni di Mayak, il centro di riprocessamento sovietico (e poi russo) dove veniva prodotto il Plutonio per le armi nucleari. Si tratta di una delle zone più contaminate della Terra, in cui vivono a volte inconsapevoli, a volte rassegnati ancora molti cittadini.

Download

Credo sia chiaro che tutti, ma proprio tutti, anche chi vede nel nucleare la soluzione ad ogni problema energetico, non abbiano dubbi su quale sia il problema numero uno.
Sono quasi 70 anni che energia elettrica viene prodotta con centrali nucleari, dove i nuclei di Uranio vengono spezzati, liberando grandi quantità di energia, ma anche radiazioni che, come ben sappiamo sono estremamente pericolose per la salute dell’uomo. La radioattività insomma è una gran brutta bestia.

Leggi tutto...

 

Racconti infiniti: Pinocchio e altre storie

Racconti infiniti

Il comune di Padova - Assessorato alla Cultura organizza la mostra "Racconti infiniti: Pinocchio e altre storie" che si terrà alla Sala della Gran Guardia (p.zza dei Signori, Padova) dal 5 dicembre 2015 al 31 gennaio 2016.
Si tratta di una raccolta di un centinaio di libri per bambini e ragazzi dalla fine dell'800 agli anni '50 (con qualche eccezione) messi a disposizione dalla nostra associazione, che si è occupata anche di organizzare, durante questi quasi due mesi, alcune manifestazioni di notevole rilievo. L'apertura è prevista per venerdì' 4 dicembre alle ore 17,30. Chiunque abbia voglia di venirci a trovare è ovviamente il benvenuto.


Invito e programma eventi

Perché questa mostra?

Manifesto del comune

Manifesto dell'Associazione

 

Infinitamente blues: dalle colonne sonore dei film

Colonne sonoreI film senza musica non sarebbero la stessa cosa. Così abbiamo pensato di realizzare una scaletta, estraendo dalla colonna sonora di alcuni grandi film un brano. Si tratta di canzoni rock, ma anche  jazz, blues, soul e perfino heavy metal e rockabilly. Il ricordo dei film ridotto a piccole pillole e la musica che fa da sfondo. Da Easy Rider a C'era una volta in America, da Pulp fiction a Thelma e Louise, da Apocalypse now (i Doors con The end) a School of rock, abbiamo proposto 17 brani e quindi 17 ricordi di altrettante pellicole. Tra i cantanti Jimi Hendrix, Bob Dylan, Martha Reeves, i Beatles, i Led Zeppelin, i citati Doors e molti altri, per chiudere con un brano dell'indimenticabile B. B. King.
Download
 

Infinitamente blues: "Jazz too funk" Hammond Trio

Jazz too funkCerte volte la gente si incontra quasi per caso e nascono idee meravigliose. E’ quello che è avvenuto con i tre componenti dell’Hammond Trio, Carlo Santacatterina, Barbara Foglia e Marco Manassero, rispettivamente tastierista, voce e batterista (facebook). La loro musica parte dal blues e si sposta, anche per la curiosità di una nuova esplorazione, verso il jazz e da là, verso il funk. Una musica gradevole, piacevole, da ascoltare e da gustare. Ve la proponiamo nella puntata di Infinitamente blues di martedì 13 ottobre, con due dei tre artisti in studio. Il loro lavoro più recente, “Jazz too funk” (le due “o” non sono un errore!) è la base di partenza per un ragionamento sulla loro esperienza, sulla musica … senza dimenticare i gustosi aneddoti che una simile professione inevitabilmente regala.
Con l’occasione ascoltiamo brani di autori "ispiratori": da Brian Auger a Jon Lord, mitico tastierista dei Deep Purple, da Keith Emerson alle imperdibili esibizioni di Amy Winehouse ed Ella Fitzgerald.
Download
 

Siamo davvero felici?

RadioMentre preparo le diapositive per una conferenza sull’ecologia, mi torna in mente la storia di Rachel Louise Carson, una grande donna che con il suo libro “Primavera silenziosa” ha praticamente dato avvio al moderno ecologismo, quello che con lei per la prima volta ha collegato i danni ambientali al modello di sviluppo così invasivo che la nostra società si è inventata.
Una donna coraggiosa, Rachel, che ha avuto a che fare con l’ambiente e la sua difesa in tempi in cui ancora l’ambientalismo non esisteva. In un periodo (gli anni ’50 e ’60) nel quale la maggior parte delle persone non sospettava neppure verso quale catastrofe le molte scelte politiche ed economiche dell’occidente stavano per portarci.
Ed è allora che sono quasi risorti da dove se ne stavano seppelliti, ricordi di quand’ero bambino. (...)

Leggi tutto...

 

Davvero ti interessa?

umanità oggiSarà probabilmente per l’inizio sempre più vicino della 21 conferenza delle parti di Parigi, sarà per la consapevolezza crescente della situazione ambientale mondiale, sarà perché un papa sudamericano ragiona in modo assai diverso da un papa tedesco, sta di fatto che Francesco non perde occasione per esportare le sue idee sull’ambiente ovunque si trovi. Del resto l’enciclica “Laudato sì” è un chiaro esempio di una presa di posizione piuttosto netta. E’ vero che molti di noi si sarebbero aspettati di più, almeno su alcuni temi. Ma non possiamo non osservare che il passo in avanti è di quelli grandiosi e la maggior parte delle prese di posizioni del pontefice non sono meno battagliere di quelle delle grandi associazioni ambientaliste o dei cittadini consapevoli.
Così è stato anche all’ONU. (...)

Leggi tutto...

 
Radio Cooperativa

Multimediali
Please wait while JT SlideShow is loading images...
Rinnovabili e cicli combinati: SorgeniaImagine John LennonStoria del petrolio in 300 secondiL'inquinamento dell'ILVA nel mare di TarantoGasland, il film!The sky is pink (gas di scisto)Water week StokholmLand Grabbing for dummiesIl "sistema" di ENI5 minuti per riflettere sul consumo di suolo in ItaliaGrazie Enzo Jannacci
Fonte di sorriso
Un sorriso
Feed RSS
Noncicredo! in radio