MENU OPERE

ATTO 1

ATTO 2

ATTO 3

ATTO 4

Spiegazioni

Werther è un dramma lirico in quattro atti di Jules Massenet su libretto in francese di Édouard Blau (blo??), Paul Milliet e Georges Hartmànn, tratto dal romanzo epistolare “I dolori del giovane Werther” di Wolfgang Goethe. Scritta tra il 1885 e il 1887, viene rappresentata la prima volta (con libretto tradotto in tedesco) il 16 febbraio 1892 alla Wiener Staatsoper, dove riscuote un buon successo. Viene poi tradotta in francese e in italiano e nel 1928 viene rappresentata per la millesima volta al Théâtre national de l'Opéra-Comique a Parigi. La registrazione di stasera è diretta dal maestro Riccardo Chailly e interpretata da: Placido Domingo, Elena Obraztsova, Arleen Auguer (Arliin Oger), Franz Grundheber, Kurt Moll. Esegue la Koelner Rundfunk Orchester.

Personaggi

Charlotte, una giovane donna (mezzosoprano)
Sophie, sua sorella (soprano)
Werther, un giovane poeta (tenore)
Albert, fidanzato di Charlotte (baritono)
Le Bailli, padre di Charlotte (basso)  ---à bèili (all’inglese)
Schmidt, amico di Bailli (tenore)
Johann, amico di Bailli (baritono)
Bruhlmann, poeta (tenore)
Katchen, fidanzata di Bruhlmann (mezzosoprano)

Trama

La vicenda si svolge nell'anno 1780 a Wetzlar, città nell’Assia, e racconta l’amore senza speranza del poeta Werther per Charlotte, promessa a un altro uomo.

Atto primo

Sophie, quindicenne figlia del borgomastro, aiuta la sorella maggiore Charlotte che si sta preparando per un ballo al quale partecipa anche il giovane Werther, che il borgomastro presenta alla figlia maggiore. Sophie, rimasta sola a casa, viene raggiunta da Albert, fidanzato di Charlotte, tornato da un lungo viaggio, e la ragazza lo rassicura sui sentimenti della sorella. I due si salutano ed escono di scena.  Rientrano Werther e Charlotte: il giovane le dichiara il suo amore, ma la ragazza gli parla della promessa, fatta alla madre morente, di sposare Albert. Werther, affranto, capisce e accetta.

Atto secondo

Nella piazza di Wetzlar si celebrano le nozze d’oro del pastore. Albert e Charlotte sono sposi da tre mesi e gli amici brindano alla loro unione. Werther assiste da lontano e Albert, che conosce i suoi sentimenti, lo raggiunge e gli dice di stimarlo per la sua rinuncia. Sophie, innamorata di Werther, lo invita invano a ballare. Il giovane vuole incontrare Charlotte per dichiararle nuovamente il suo amore: ma Sophie gli consiglia di allontanarsi per qualche tempo.

Atto terzo

É la vigilia di Natale: Charlotte è inquieta.  Rilegge una lettera di Werther e Sophie le chiede se la sua tristezza dipenda dall’assenza di Werther. Charlotte scoppia a piangere. In quel momento arriva Werther, che è tornato, e leggendole alcuni versi dei Canti di Ossian, le strappa un bacio. Charlotte fugge, rinchiudendosi in una camera. Werther lascia la casa sapendo che non c’è alcuna speranza di felicità per lui. Poco dopo manda un biglietto ad Albert per chiedergli in prestito le sue pistole, con il pretesto di un viaggio. Charlotte intuisce la verità e si precipita a casa di Werther.

Atto quarto

È la notte di Natale. Il giovane giace morente nel suo studio e, sentendo la voce di Charlotte, si rianima per chiedere perdono e invocare una serena sepoltura. Charlotte ha appena il tempo di confessargli la verità: lo ha sempre amato e si rimprovera di aver sacrificato i propri sentimenti a un giuramento. Werther muore felice di questa confessione.