MENU OPERE

Atto primo

 

Atto secondo

 

Spiegazioni

Don Giovanni ossia Il dissoluto punito è la seconda delle tre opere buffe di Wolfgang Amadeus Mozart basate sul libretto di Lorenzo Da Ponte, dopo “Le nozze di Figaro” e prima di “Così fan tutte”. Si compone di due atti ed è considerato uno dei capolavori del compositore austriaco, della musica e della cultura occidentale in generale. Il lavoro viene commissionato a Mozart direttamente dall’imperatore Giuseppe II, che aveva gustato il libro di Giuseppe Gazzaniga, Il convitato di pietra.
L'opera debutta il 29 Ottobre 1787, ma non a Vienna, che aveva un atteggiamento piuttosto freddo nei confronti di Mozart, bensì al Teatro degli Stati di Praga, suscitando subito un grande entusiasmo, e costituendo, per il compositore, una piccola rivalsa nei confronti di Vienna.

Questa edizione, incisa nel 1996, è interpretata da: Bryn Trefel, Renée Fleming, Ann Murray, Michele Pertusi. Esegue la London Philarmonic Orchestra, diretta dal maestro ungherese Georg Solti.

Trama

Ambientato a Siviglia nel XVI secolo, racconta le gesta e la drammatica fine del seduttore Don Giovanni.

I personaggi

Don Giovanni - giovane cavaliere estremamente licenzioso, baritono
Il Commendatore - padre di Donna Anna, basso
Donna Anna - dama promessa sposa di Don Ottavio, soprano
Don Ottavio - tenore
Donna Elvira - dama di Burgos abbandonata da Don Giovanni, soprano
Leporello - servo di Don Giovanni, basso
Masetto - contadino amante di Zerlina, basso
Zerlina - contadina, soprano
Contadine e contadini, servi, suonatori e coro di sotterra - coro

ATTO PRIMO - scena prima

Don Giovanni si introduce - mascherato - all'interno della casa di Donna Anna, per sedurla fingendosi Ottavio, il suo promesso sposo. Lei capisce l’inganno, ma non riconosce Don Giovanni e lo allontana. Alle grida arriva il Commendatore, padre di Donna Anna, che ordina alla figlia di andare a chiamare i soccorsi e poi sfida a duello Don Giovanni che lo uccide e fugge con il suo servo Leporello che si era nascosto in giardino.
Quando Donna Anna scopre il cadavere del padre ha un mancamento e Don Ottavio, che nel frattempo l'ha soccorsa, giura di vendicarne la morte.

ATTO PRIMO - scena seconda

Don Giovanni e Leporello sono per strada e il servo rimprovera il suo padrone, quando incrociano una donna in lacrime. Don Giovanni va per consolarla e riconosce in lei Donna Elvira, che lui ha già sedotta e abbandonata. Con uno stratagemma Leporello distrae la giovane donna, permettendo al suo padrone di fuggire indisturbato. Rimasto solo con Donna Anna, a Leporello non resta altro che rivelarle le gesta amorose del suo padrone e l'infinita lista delle sue conquiste, per farle capire di essere stata solo un’avventura.

ATTO PRIMO - scena terza

Più tardi, davanti a un’osteria, Don Giovanni incrocia il corteo nuziale di Zerlina e Masetto. Chiede a Leporello di allontanare Masetto per avere campo libero con Zerlina: le promette di sposarla e proprio quando sta per cedere alle sue lusinghe, arriva Donna Elvira, che le svela le vere intenzioni di Don Giovanni.
Sopraggiungono anche Donna Anna e Don Ottavio in cerca dell’assassino del Commendatore e Don Giovanni, impassibile, finge di aiutarli. Donna Elvira rientra brevemente in scena per mettere tutti in guardia dalle false promesse di Don Giovanni, il quale la zittisce accusandola di essere pazza.
Rimasti soli, donna Anna confida a Ottavio di aver riconosciuto nella voce di Don Giovanni quella del suo aggressore e questo giura di nuovo di vendicarla.

ATTO PRIMO - scena quarta

Don Giovanni, per sedurre Zerlina, organizza una festa per il matrimonio con Masetto, a cui invita tutti i paesani.

ATTO SECONDO - scena prima

I due fuggiaschi si ritrovano, quella sera stessa, davanti alla casa di Donna Elvira; Leporello cerca di prendere le distanze dal padrone, ma questo gli offre del denaro per rimanere al suo servizio.
I due si scambiano d'abito in modo da poter adescare la giovane cameriera. Donna Elvira, credendo che Don Giovanni si sia veramente ravveduto, si allontana con Leporello travestito da Don Giovanni.
Intanto, Don Giovanni intona la sua serenata per la cameriera, ma viene interrotto da Masetto che si vuole vendicare. Non gli va bene, perché subisce una feroce bastonatura.

ATTO SECONDO - scena seconda

Leporello, non sa più come fare per sfuggire dalle attenzioni amorose di Donna Elvira, ma viene bloccato dall'arrivo di Don Ottavio, Donna Anna, Zerlina, Masetto e tutti i contadini. Riconoscendo in lui Don Giovanni, sono intenzionati a catturarlo e ucciderlo. Leporello getta allora la maschera. Viene tuttavia accusato di aver picchiato Masetto, ingannato Donna Elvira e tradito Don Ottavio e Donna Anna. La sua sorte si prospetta quindi analoga a quella di Don Giovanni.
Masetto, però discolpa Leporello, dicendo di aver visto Don Giovanni nelle vesti del servo.

ATTO SECONDO - scena terza

È notte. Leporello e Don Giovanni hanno trovato rifugio nel cimitero. Quando il servo racconta le sue disavventure, Don Giovanni ride di gusto. All'improvviso una voce minacciosa lo avverte che la sua voglia di ridere finirà prima dell'arrivo dell'aurora: è la voce del Commendatore, proveniente dalla sua statua funebre.
Don Giovanni, spavaldo, invita a cena la statua e questa accetta.

ATTO SECONDO - scena quarta

Intanto, nel palazzo del Commendatore, Don Ottavio chiede a Donna Anna se sia pronta a sposarlo; questa risponde che non potrà sposarsi finché il padre non sarà vendicato.

ATTO SECONDO - scena quinta

Nel palazzo di Don Giovanni è tutto pronto per la cena. Arriva Donna Elvira che lo implora per l'ennesima volta di pentirsi. Egli la caccia via. In quel momento si sente battere alla porta e Leporello, terrorizzato, si rifiuta di aprire.
Lo stesso Don Giovanni va ad aprire ed entra la statua del Commendatore che lo invita a pentirsi, e anche Leporello lo implora, ma don Giovanni rifiuta ancora e la terra si apre sotto di lui inghiottendolo tra le fiamme.
Sopraggiungono tutti gli altri personaggi, pronti a vendicarsi. Leporello racconta loro di quanto successo. Vista la punizione subita da Don Giovanni, Don Ottavio chiede a Donna Anna se sia alfine disposta a sposarlo, ma lei chiede tempo.
Masetto e Zerlina finalmente festeggiano mentre Donna Elvira decide di ritirarsi in convento. Leporello intanto decide di cercare un padrone migliore.
La scena si chiude con i personaggi che si allontanano in direzioni diverse.